Le incognite dirigenziali influiscono anche sul mercato. Le altre squadre si stanno già attrezzando, i rosanero dovrebbero darsi una svegliata

01.06.2016 00:00 di Antonio Barbera  articolo letto 386 volte
Le incognite dirigenziali influiscono anche sul mercato. Le altre squadre si stanno già attrezzando, i rosanero dovrebbero darsi una svegliata

Quando siamo ormai giunti al mese di giugno, l’assetto societario in casa rosanero per la prossima stagione resta un mistero. Mentre quasi tutte le altre squadre si stanno muovendo tra allenatori e direttori sportivi, a Palermo entrambe le cariche non hanno un proprietario. L’accordo con Ballardini continua a non arrivare e la situazione si sta trasformando in un vero e proprio caso. Per quanto riguarda il direttore sportivo, tanti i nomi circolati in questi giorni con Foschi indicato come candidato principale. Questa situazione impedisce di lavorare sul mercato, così, mentre le altre società sono già operative, i rosanero restano fermi al palo. Considerando che quest’estate ci saranno Europei e Copa America, i prezzi di diversi giocatori rischiano di lievitare considerevolmente in caso di buone prestazioni con le proprie nazionali. Questo sarebbe quindi il momento ideale per cercare di portarsi a casa qualche buon giocatore senza il rischio di incorrere in aste al rialzo con altre società. La cena di ieri sera tra Ballardini e Di Marzio si spera che porti a un accordo fra le parti, così da mettere il primo tassello fondamentale in vista della prossima stagione, l’allenatore. Un eventuale addio di Ballardini con conseguente ricerca di un nuovo allenatore non farebbe altro che far slittare ulteriormente i tempi d’inizio della programmazione in vista delle prossime stagioni. Le altre squadre hanno già cominciato ad attrezzarsi, i rosanero dovrebbero darsi una svegliata.