A RETI BIANCHE

 di Redazione Palermo24  articolo letto 669 volte
© foto di Federico De Luca
A RETI BIANCHE

Finisce 0-0 fra Fiorentina e Palermo: risultato sostanzialmente giusto in una partita nella quale le due formazioni si sono sicuramente affrontate senza timori, ma non sono riuscite a trovare il guizzo giusto.
Delio Rossi ripropone il 3-5-2 visto a Milano, rilancia Amauri dal primo minuto e sceglie Kharja al posto di Lazzari. Mutti si copre con un 3-5-1-1: alle spalle di Hernandez c'è Ilicic, con Miccoli che parte dalla panchina
Tantissime occasioni già dai primi minuti. Inizia il Palermo con un tiro di Ilicic, ma poi la Fiorentina va vicina al gol tre volte: prima con un colpo di testa di Natali su calcio d'angolo, poi addirittura con un tacco di Amauri sull'assist di Jovetic, infine con un altro colpo di testa (stavolta di Nastasic) che prende in pieno il palo. La partita si mantiene su ottimi ritmi, con le due squadre che si affrontano a viso aperto. Al 22' Jovetic lancia Pasqual, il terzino entra in area e calcia; Viviano la devia in corner ed è lui stesso a dire all'arbitro di aver toccato il pallone. L'occasione più clamorosa del primo tempo per il Palermo è al 27': Donati imbecca ottimamente Hernandez, l'uruguaiano si trova a tu per tu con Boruc, ma calcia alto. Lo stesso Hernandez, al 40', è autore di un bel numero in area viola, ma poi si intestardisce invece di servire il libero Bertolo e perde il pallone. L'ultima occasione del primo tempo è per Behrami, con un tiro di controbalzo che Viviano devia, con qualche affanno, in corner.
Nella ripresa il ritmo cala leggermente, ed è il Palermo a prendere in mano il pallino del gioco. I rosanero tengono il possesso palla, ma hanno pochi sbocchi con Hernandez ed Ilicic. La Fiorentina torna a farsi viva al 72' con Jovetic, che si libera bene al tiro ma trova una deviazione che aiuta l'intervento di Viviano. I sussulti della ripresa capitano fra l'80' e l'81': prima ancora Jovetic, dopo una grande azione, chiama Viviano all'intervento, poi Amauri si vede annullare giustamente un gol per il palese tocco di mano con il quale l'italo-brasiliano aveva segnato. L'ultima occasione per la Fiorentina capita sulla testa di Nastasic, ma il giovane serbo indirizza troppo centralmente.
Finisce così in parità fra Fiorentina e Palermo: un punto che potrebbe rivelarsi insufficiente soprattutto ai viola, considerata la vittoria del Lecce a Catania.