C'era una volta un "giocattolo" rosanero che funzionava bene: i tifosi tornano in massa allo stadio

14.02.2019 10:11 di Antonino Terruso  articolo letto 524 volte
© foto di Rosario Carraffa/TuttoPalermo.net
C'era una volta un "giocattolo" rosanero che funzionava bene: i tifosi tornano in massa allo stadio

Sarebbe da sciocchi pensare che l'appello rivolto da Giuseppe Bellusci, nel post partita di Palermo-Foggia, fosse riferito esclusivamente alla gara contro il Brescia che potrebbe rivelarsi il punto di svolta di una stagione. Ormai da qualche anno i tifosi rosanero hanno quasi messo da parte un sentimento di puro amore nei confronti della squadra della propria città a causa di questioni che vanno oltre ad una semplice partita di calcio. Risulta strano pensare che dopo la finale di Coppa Italia si fosse rotto un giocattolo che funzionava fin troppo bene, ed è altrettanto strano vedere come questo giocattolo sia stato messo da parte dai propri tifosi per colpa di un presidente che ha badato troppo ai propri affari personali e che piano piano ha fatto appassire l'amore di un'intera città. Nonostante lo stadio sia rimasto quasi vuoto per anni, i giocatori vestiti di rosa sono sempre scesi in campo battaglia dopo battaglia, sudando e onorando la maglia ad ogni partita, anche se a sostenerli c'erano i soliti tremila tifosi sugli spalti. Adesso sembra che qualcosa stia cambiando. Sembra che i palermitani abbiano capito quanto questo giocattolo sia importante per loro, forse l'hanno capito troppo tardi visto il rischio piuttosto serio di una penalizzazione, ma l'importante è che l'abbiano capito. Domani sera al Renzo Barbera arriva il Brescia allenato da un certo Eugenio Corini, un'ex giocatore che ricorda bene com'era il giocattolo prima che si rompesse, e che conosce perfettamente l'amore che i palermitani nutrivano nei confronti del giocattolo rosanero. Domani chiunque  scenderà in campo a sudare e onorare la maglia si merita un Renzo Barbera colmo di amore per i colori rosanero, che faccia sentire il proprio tifo incessante per 90 minuti. Inoltre, sarebbe da sciocchi pensare che dopo la gara casalinga contro il Brescia lo stadio possa tornare ad essere popolato dai soliti tremila tifosi. Considerata l'enorme incertezza sul futuro della società rosanero, da domani sera fino al termine della stagione in corso, il Renzo Barbera merita di essere riempito in ogni suo centimetro di qualsiasi cosa colorata di rosanero, prima che il giocattolo si possa rompere definitivamente.