Palermo, grande prestazione col Perugia ma adesso testa al Brescia

23.09.2018 11:11 di Antonino Terruso  articolo letto 70 volte
Aleksandar Trajkovski
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Aleksandar Trajkovski

Il match andato in scena ieri al Renzo Barbera di Palermo tra i rosanero e il Perugia allenato da Alessandro Nesta, ha regalato al mister Bruno Tedino tante certezze e belle sorprese. Innanzitutto la prestazione del gruppo è stata più che positiva, capace di coprire bene il campo in ogni zona e di trovare passaggi veloci e precisi tra i reparti. Soprattutto le prestazioni dei singoli hanno rincuorato il tecnico ex Pordenone, intanto la forma fisica ritrovata di un elemento importante come Giuseppe Bellusci: l'ex difensore dell'Empoli lo scorso anno ha subito parecchie noie muscolari che lo hanno costretto ad alternare il campo all'infermeria. Un giocatore con la sua esperienza può essere determinante in un reparto difensivo composto da 3 interpreti, considerando soprattutto i numerosi giovani che lo compongono come Roberto Pirrello, Andrea Accardi e Andrea Ingegneri. A centrocampo si è distinto in positivo anche Nicolas Haas, il classe 1996 ha contribuito con la sua tecnica ad un ottimo palleggio in mezzo al campo e affiancato all'esperto Mato Jajalo formano una mediana solida e di qualità. In avanti si è contraddistinto ancora una volta in questa stagione  Alexandar Trajkovski, forse al macedone serviva una maglia pesante come la 10 per mettergli sulle spalle le giuste responsabilità e far girare l'attacco rosanero. Al numero 10 riesce tutto al momento, infatti ieri ha sfiorato nel primo tempo 2 volte il goal con due bei tiri sia di potenza che a giro, e la giusta caparbietà ha fatto si che trovasse il terzo goal consecutivo in campionato nei secondi 45' minuti di gioco. Anche Cesar Falletti ha giocato bene, sicuramente meglio delle prime partite, tanto da procurarsi anche il rigore sul 3 a 0 e costringere diverse volte gli avversari al fallo per far salire la squadra. Trovando la giusta continuità e la forma fisica ottimale, il folletto uruguaiano sarà uno degli uomini più importanti della rosa. Infine il capitano Ilija Nestorovski ha ritrovato se stesso e soprattutto il goal su azione. Sicuramente le capacità tecniche e la grinta del macedone non sono mai state messe in discussione, anche in Serie A alla prima esperienza ha dimostrato il suo valore, ma forse per diverso tempo è mancata la tranquillità mentale che gli permettesse di giocare senza pressioni e rendere al meglio. L'avvio di stagione lento e arrugginito sembra essere messo da parte per gli uomini di Tedino, i tifosi sperano che il vento del cambiamento possa arrivare al Renzo Barbera ben presto soprattutto per quanto riguarda il cambio di società, dato che ieri in tribuna ad assistere alla partita era presente anche Antonio Ponte, uno dei possibili acquirenti del Palermo.