TRA CAMPO E MERCATO

15.01.2012 00:00 di Marco Palmeri  articolo letto 1203 volte
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport
TRA CAMPO E MERCATO

Ripartire dai primi quarantacinque minuti di domenica scorsa contro il Napoli. Aspettando rinforzi - necessari - dal mercato. E' chiamato a farlo, questo pomeriggio, il Palermo di Bortolo Mutti, a caccia della prima vittoria in campionato. A casa del Chievo Verona, un avversario ostico che deve costruire la salvezza tra le mura amiche. Mica è facile. Ma un successo è necessario, per l'autostima, per la classifica e perché prima o poi la ruota deve girare. E oggi non lo ha ancora fatto, perché la casella vittorie, fuori casa, è ancora senza segni.

In porta ci sarà, per l'ultima volta da titolare, Francesco Benussi. Perché dalla prossima settimana i guantoni da primo saranno affidati ad Emiliano Viviano, che arriverà in comproprietà per 5 milioni di euro più l'intero cartellino di Cesare Bovo al Genoa. Valutazione complessiva di 6,5 milioni di euro. Per la metà. Dunque numeri alla mano, Viviano vale 13 milioni. 9,5 in più di Salvatore Sirigu, venduto per 3,5.  No, non può essere così. E' che quando hai bisogno di un rinforzo a tutti i costi e gli altri lo sanno, provano a prenderti per la gola. E il Genoa del ds Capozucca è un abile stratega. Spendere 6,5 milioni per la metà del portiere che si giocherà la Nazionale proprio con Sirigu nei prossimi anni, ci può stare. Ma far partire l'attuale estremo difensore del Paris Saint-Germain per 3,5 milioni è un autogol. Roba da mani nei capelli, un po' come Alexandros Tzorvas, destinato ad essere archiviato tra i carneadi rosanero.

A proposito di errori. Vuole cancellarli tutti Ezequiel Munoz. Ma può crescere e migliorare. L'età è dalla sua. La voglia c'è. Il talento anche. Oggi l'argentino sarà ancora schierato a destra, al posto dell'infortunato Pisano, che dovrebbe rientrare a febbraio. Al centro ci sarà Silvestre, insieme a Mantovani. A sinistra invece il solito Federico Balzaretti. A centrocampo serve - e lo ha sottolineato ieri Bortolo Mutti - la personalità di Giulio Migliaccio, chiamato a guidare Barreto e un Armin Bacinovic che l'allenatore rosanero vuol recuperare. Ma sarà difficile. Perché lo sloveno ha mostrato delle lacune tecnicamente difficili da colmare. Ecco perché il Palermo pensa ancora a Luca Rigoni in forza proprio al Chievo a cui ha proposto, appunto, lo sloveno. La partita di oggi pomeriggio sarà un'occasione per parlare anche di mercato. Non pensa al mercato invece Mauricio Pinilla, che guiderà l'attacco, supportato da Ilicic e Bertòlo. Dirigerà la partita Rocchi di Firenze.

Oggi serve una vittoria. Altrimenti sarebbe facile ipotizzare che Bortolo Mutti non potrebbe dormire sonni tranquilli a lungo. Devis Mangia, oggi pomeriggio, guarderà la partita dalla tv. Qualcuno - non del Palermo, meglio precisare - lo ha già avvisato: "attento, che la chiamata è sempre dietro l'angolo". Lui sorride, non ci crede. Però il match lo vedrà. Ma non chiamatelo gufo. Non fa parte di lui.